Cate+AMICI : parliamone

Avevo in mente di tornare con una rubrica a cadenza settimanale e visto che ultimamente l’unico sfogo che mi concedo – ho abbandonato molti telefilm- è Amici, perchè non avventurarmi con uno show che mi ha appassionato negli anni e dopo un paio di anni in cui era scemato l’interesse, è tornato ad intrattenermi?!
Ovviamente come in ogni cosa nella vita ho le mie preferenze e quest’anno si orientano sui Blu anche se ho alcuni personaggi Bianchi che mi piacciono molto.

Facciamo una panoramica dei ragazzi e vediamo un po’ il mio giudizio su di loro. Per non essere troppo bianca o troppo blu alterno uno dei membri.

Cristian: squadra bianca. Giovane siciliano già noto al format perchè partecipò alla scorsa edizione, ma dovette lasciare la scuola per un infortunio, ha ottenuto da Twitter una seconda possibilità che ha saputo sfruttare con caparbietà e tenacia seppur il vero lustro nella scuola lo ha ottenuto per le sue vicende amorose, ma Cristian è molto altro e con uno degli esami di accesso al serale più belli ha ottenuto la maglia verde e poi ha scelto di far parte della squadra di Emma.

Giorgio: squadra blu. Apprezzato da tutti i prof è il ballerino di hip pop più versatile che si sia visto ad Amici anche perchè oltre che dalla strada la sua è una danza con tecnica. Giorgio ha qualcosa da esprimere a livello emotivo e seppur a volte il suo carattere freddo e scontroso lo ha portato ad assumere atteggiamenti non apprezzabili, ha saputo rimodellarsi emergendo per la sua bravura più che per la sua arroganza. Il cambiamento caratteriale e le continue conferme nel ballo gli valgono un posto per il serale con un pass per entrambe le squadre, ma preferisce Elisa ad Emma.

Briga: squadra bianca. Di fatto occupa il banco di rapper, ma in realtà ha doti che vanno al di là del rap e lo dimostra da subito miscelando alla tradizione la sua firma. Il suo carattere impostato e un suo personaggio quasi prestabilito hanno condotto il pubblico in un’altalena di emozioni contrastanti nei suoi confronti, ma tutto a favore dei fari sempre puntati su di lui. Ha scelto di far parte del team di Emma, a mio avviso anche per riequilibrare le squadre e in una prospettiva di arrivare fino in fondo. Il suo carattere tutto d’un pezzo a volte lascia spazio al piacione che è in lui per questo motivo a lui sono attribuiti vari flirt all’interno della scuola.

The Kolors: squadra blu. Sono la nemesis, in senso buono di Briga, per popolarità. Voluti fortemente da Sarcina entrano con una sfida e fin dalle prime battute fanno capire che hanno stoffa da vendere. Il front man Stash è dotato di una verve che in un contesto come Amici non guasta. Con i loro inediti hanno già conquistato una larga fetta di pubblico e a suono di Whooo si aggiudicano la maglia verde che poi trasformano in blu per un amore spassionato per Elisa che dicono essere la colonna sonora della loro vita.

Valentina: squadra bianca. Conosciuta già per aver partecipato a Tu si que vales è a parer mio uno dei membri del serale meno meritevoli. Una voce già sentita e molto affine a quella della coach che l’ha voluta nella sua squadra. Niente di innovativo o eccezionale e a livello emotivo suscita ben poco, ma la Marrone è ferma e convinta della sua scelta e può succedere che in questo serale ci stupisca.

Luca: squadra bianca. Più che volerlo il suo accesso al serale è stato imposto dalla terza modalità di accesso. Fermamente convinta che in ogni caso ce l’avrebbe fatta comunque soprattutto per la carta cantautoriale. Nel suo percorso nella scuola è emerso per il suo contrasto con il rapper Briga suo acerrimo nemico anche per i caratteri totalmente opposti. Luca ha ancora molto da dimostrare, ma ha della stoffa per poter lasciare il segno.

Klaudia: squadra bianca. Albanese e famosa nel suo Paese partecipa ad Amici per avere una possibilità in più. Il suo carattere schivo e taciturno l’hanno portata a non esporsi molto come personaggio, ma non hanno nascosto la ballerina che c’è in lei. Indubbiamente dotata, non rispecchia i miei canoni di ballerina, ma ciò non toglie la sua bravura dimostrata dall’ammissione al serale sia per volontà della commissione, sia di entrambi i direttori artistici.

Virginia: squadra blu. Virginia entraquasi a fine percorso per volontà della Peparini sebbene il suo stile sia neoclassico. Si conquista daytime dopo daytime per le sue vicende amorose, ma al di là di un carattere leggero e civettuolo c’è una ballerina dal grande potenziale e anche una stratega dietro la svampita. La vogliono entrambe le coach, ma con grande prevedibilità la scelta di Virginia è professionale e sceglie i blu.

Shaila: squadra bianca. Uno stile molto alla Garofalo dei tempi d’oro dello strusciage si è conquistata la quasi unanimità della commissione e il suo posto al serale solo con le sue forze. Un carattere aspro che le è valso le antipatie di molti, ma che non si può negare dia una marcia in più nella vita e nelle difficoltà che comporta, viene scelta in calcio d’angolo da Emma contro il parere della squadra e contro un più utile Mattia – visto che Shaila e Klaudia eseguono lo stesso stile- , ma le scelte di Emma sono al quanto misteriose.

Michele: squadra blu. Elisa toppa alla grande. In una squadra di fenomeni, mancava quello da baraccone. Mancanza di tecnica e di versatilità sono state sostituite da facce e movimenti d’anca. Come ogni anno il caso umano della scuola che approda al serale per volontà di Garrison e di un pubblico che lo acclama per ragioni a me ignote. Del resto il primo membro che deve lasciare ci deve essere no?

Davide: squadra bianca. Reduce da una deludente esperienza a X-factor, nello stesso anno in cui Emma vinceva Amici, si rimette in gioco con una maturità diversa e sebbene perda la sfida con i The Kolors, Rudy, che era a capo della Sony quando Davide fu congedato con neanche troppa cortesia, vuole farsi perdonare e lo fa accedere nella scuola. Trovo il timbro di Davide un po’ superato e non mi entusiasmava neanche quando sedicenne calcava i palchi della big X. C’è da dire che Davide è di un’educazione e compostezza che lascia il segno, quindi se fare il bravo ragazzo paga mi auguro che qualcosa di bello per lui ci sia.

 Paola: squadra blu. Gli ultimi saranno i primi? Se è così io me lo auguro. Paola è la mia preferita in assoluto e con lei la mia obiettività vacilla. Sarà che abbiamo le medesime origini sicule dell’entroterra e Caltanissetta è conosciuta in Italia come provincia dal 1% in più di Enna – dove abito io-, ma con questa ragazza sono entrata in empatia. L’ho odiata nella sua prima esibizione, pensando che fosse l’ennesima truzza, per poi amarla alla follia esibizione dopo esibizione. Una carica, un carisma ed un’energia rare che la portano ad affrontare le sfide con la giusta positività. Non l’ho mai sentita lamentarsi per un pezzo e sebbene alcune volte al centro del mirino per qualche flirt presunto, ha saputo sempre dar luce al suo carattere artistico. Potessi scegliere chi vince quest’anno farei il suo nome senza dubbio. Elisa ci butta l’occhio da subito, Emma la snobba leggermente in favore dei “pazzi” che ha già in squadra – è risaputo Klaudia, Valentina e Davide i folli di Bel air – poco male la maglia è blu e seppur penso meritasse la verde finisce in una squadra che può darle molto e allontana le malelingue dai flirt concentrandosi sulla cantante.

Ecco il mio prospetto per i componenti del serale a giorni uscirà quello sugli esclusi e poi il commento del serale. #stayturned

Advertisements

Un pensiero riguardo “Cate+AMICI : parliamone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...