CAPITOLO VIII

CAPITOLO VIII

Tre giorni non volano mai quando aspetti qualcosa e quando quel giorno arriva l’attesa ti è sembrata troppo dolorosa da farti perdere il piacere di quel momento. Eppure quei tre giorni per me erano volati tra le commissioni da svolgere a casa, i preparativi per la scuola e il mio fantasticare su quel misterioso e sicuramente affascinante ragazzo americano mi avevano fatto compagnia al punto da dimenticare perfino Carlo e la ferita che mi aveva inferto nell’avermi trattata come un oggetto usa e getta, volevo essere una ragazza indipendente e che si staccava da quella mentalità di paese e credere che un semplice bacio non fosse nulla di significativo, specialmente quando era stato un innocuo bacio a stampo dato per sbaglio.
Ero forte, sicura e fiera e sicuramente non era le attenzioni di un ragazzo a farmi sentire così non sarebbe stato Carlo a darmi quello che cercavo e neanche il misterioso americano di cui solo ora dopo giorni di fantasie mi rendevo conto di non conoscere per nulla al punto da ignorare il nome.
Nella mia mente si era sempre chiamato Sebastian e la sua chioma bionda splendeva come grano, ma sapeva freddarti con i suoi occhi azzurri e le sue labbra suadenti. Doveva essere così bello da toglierti il fiato.
Stavo per esercitare le mie abilità di baciatrice con il cuscino quando mia madre mi annuncia la visita di Isabella. Subito mi prende un nodo alla gola e la paura che si possa essere pentita di quella gita mi paralizza quasi gli arti, avevo sognato quel giorno così tanto che a poche ore dalla partenza il pensiero che tutto falissi mi avrebbe strazziato.
“Isa” l’accolgo con un tono neutrale che non lasci evincere la mia preoccupazione, anche se il suo nome esce in maniera sibillina non proprio come avrei voluto.
“Tesoro” replica lei in tutta tranquillità “pronta a vedere il bell’americano?”.
Sembra quasi che possa rilassarmi al pensiero che non abbia detto che non venga e che lo vedremmo, ma non ci riesco del tutto e affogo ancora nella paura.
“Allora tutto confermato?” le chiedo con foga, ho bisogno di sapere se i miei progetti stanno per andare in fumo.
“Ovvio che si” sorride “Ho sempre voluto un marito straniero che mi facesse viaggiare”.
Non ero stata l’unica a fantasticare e soprattutto Isabella aveva fatto volare sicuramente l’immaginazione più in la di me, ero quasi pentita di averla scelta, del resto era stata la mia prima scelta proprio perchè la consideravo innocua, ma se mi fossi sbagliata e mi avesse rubato la scena, sicuramente non volevo innamorarmi di quel ragazzo e nemmeno combinare un matrimoni, non sapevo nemmeno come si chiamasse, ma sicuramente avrei voluto che mi guardasse per prima. Il pensiero d ritrovarmi a fare la candela in quella situazione romantica tra Isa e l’americano mi aveva paralizzato il volto in un’espressione gioconda, ma ci pensò Isa a darmi una scossa con una fragorosa risata.
“Non ci avrai mica creduto” diceva senza riuscire a soffocare le risa.
“No, cioè, figurati anche se fosse” .
“Non potrebbe essere anche perchè non ho bisogno di un fidanzato”.
“No?!” mi uscì in un tono di grande sorpresa, cosa diamine era successo durante la mia assenza.
“No per nulla sciocchina, sono venuta qui per avvisarti proprio di questo. Io e Gaetano il cugino di Cappozzini usciamo insieme e verrà anche lui domani ai portici, ma mia madre non deve sapere nulla. Sarà una specie di appuntamento a quattro, non è bello?”.
Era bello? Non lo sapevo proprio in fin dei conti quel ragazzo non lo conoscevo e non avevo idea di quanto mi sarei potuta trovare bene con lui e di quanto si sarebbe potuto sentire in imbarazzo in una specie di appuntamento a quattro, ma ero sicuramente felice che Isabella non volesse infrangere tutte le fantasie che mi ero fatta in quei tre giorni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...