Notti insonni inseguendo un sogno.

Immagine

Erano le 02.41 e la disperazione era l’unica padrona della vita della nostra protagonista, stava a fissare l’orologio e scorreva ogni minuto, analizzava ogni secondo e sperava che la sua volontà, il suo desiderio di continuare a studiare non l’abbandonasse. Si era prefissata un obiettivo e per raggiungerlo le sue 18 ore di studio quotidiano erano fondamentali. I nervi però stavano cedendo e il crollo sembrava essere dietro all’angolo. La sensazione che tutto quello che leggeva l’abbandonava nell’istante immediatamente successivo in cui l’ultima lettera era stata letta. Non sapeva come sarebbe andata finire, non sapeva se questa volta la sconfitta sarebbe stata dietro l’angolo e se i sacrifici sarebbero stati ricompensati. Sapeva solo una cosa che non avrebbe mollato e che sarebbe stata vinta non sarebbe stata mai abbattuta, se ne fosse uscita vincitrice non avrebbe mai dimenticato la fatica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...